Vigneto Valorizzazione dei Principali Vitigni Autoctoni Italiani e dei loro “Terroir”

Starting date
January 1, 2011
Duration (months)
24
Departments
Biotechnology
Managers or local contacts
Delledonne Massimo , Pezzotti Mario

Sulla base degli importanti risultati ottenuti dal progetto “VIGNA” recentemente conclusosi lo sviluppo e l’applicazione di metodologie di analisi genomica ai vitigni autoctoni rappresentativi della viticoltura italiana è certamente uno strumento fondamentale per l’innovazione del comparto viti-vinicolo nazionale. Il progetto “VIGNETO” si propone in particolare di: a) caratterizzare la struttura dei genomi di 50 vitigni autoctoni italiani e di alcuni loro cloni, attraverso il risequenziamento del loro genoma e l’analisi qualitativa e quantitativa della variabilità strutturale e di espressione genica degli stessi; b) contribuire a definire, attraverso parametri biologici misurabili, le caratteristiche di tipicità delle uve e dei mosti dei diversi vitigni caratterizzati, adottando approcci di biologia dei sistemi, volti a integrare informazioni dettagliate relative al controllo genetico ed epigenetico dell’espressione genica, ai prodotti metabolici presenti nelle bacche al fine di derivare indici descrittivi e predittivi; c) sviluppare uno strumento molecolare ad alta processività basato su marcatori SNP per la genotipizzazione fine in vite allo scopo di studiarne la variabilità genetica, sviluppare innovativi approcci di tracciabilità e individuare geni utili attraverso association mapping; d) studiare in modo innovativo, attraverso parametri biologici misurabili, le interazioni tra il vitigno (nelle sue componenti genetiche ed epigenetiche) e l'ambiente di coltivazione (clima e microclima, terreno) che, nella loro complessità, concorrono a definire la parte più "fisica" del terroir vitivinicolo.

Sponsors:

Ministero Politiche Agricole Alimentari e Forestali - MIPAF
Funds: assigned and managed by the department
Syllabus: MINISTERO - Ricerche finanziate su Fondi di altri Ministeri

Project participants

Massimo Delledonne
Full Professor
Alberto Ferrarini
Temporary Professor
Mario Pezzotti
Full Professor
Sara Zenoni
Associate Professor

Activities

Research facilities