Sviluppo di ceppi di microalghe mesofile per la coltivazione su larga scala in fotobioreattori chiusi o a cielo aperto.

Data inizio
1 marzo 2017
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Biotecnologie
Responsabili (o referenti locali)
Bassi Roberto

Le microalghe sono una risorsa per la produzione di cibo, mangimi, biocombustibile e numerosi composti ad altro valore aggiunto come coloranti, antiossidanti e acidi grassi poliinsaturi. Le principali limitazioni allo sviluppo industriale delle colture algali sono:
(i) la bassa produttività nei fotobioreattori, limitata dalla dissipazione termica dell’energia luminosa e dalle cattive proprietà ottiche delle colture algali concentrate e,
(ii) la difficoltà e l’alto costo di mantenimento delle monocolture di ceppi algali in impianti di larga scala.
Negli ultimi anni il laboratorio di fotosintesi dell’Università di Verona ha guidato la ricerca nel campo della selezione genetica di ceppi alali di alta produttività ed efficienza nell’uso della luce. Parallelamente, StelaGenomics ha sviluppato una tecnologia per la crescita selettiva di colture vegetali ed algali limitando la crescita competitiva di organismi infestanti/inquinanti. Si prevede che la combinazione di queste due tecnologie porterà alla selezione di ceppi algali che uniranno alta produttività e la capacità di crescere in fotobioreattori a cielo aperto o chiusi che non richiedano condizioni di sterilità e quindi di
basso costo. La selezione di ceppi di clorella, nannochloropsis, haematococcus e Chlamydomonas reinhardtii con tali caratteristiche permetterà lo sviluppo di attività industriali ad alto rendimento per la produzione di metaboliti ad alto valore aggiunto e aprirà
la via alla produzione di biocombustibili e mangimi da biomasse algali con un rilevante miglioramento delle emissioni di CO2 e inquinanti per tutte le attività che richiedono l’uso di energia.

Partecipanti al progetto

Roberto Bassi
Professore ordinario

Attività

Strutture