Messa punto di nuove strategie per lo sviluppo di vaccini per il trattamento dell’allergia al frumento

Data inizio
1 giugno 2011
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Biotecnologie
Responsabili (o referenti locali)
Zoccatelli Gianni

L’impiego di allergoidi, ovvero allergeni chimicamente modificati, come vaccini desensibilizzanti nella terapia di forme allergiche ha prodotto significativi risultati nel caso di allergie comuni come quella agli acari o a specifici pollini. Il gruppo proponente, assieme al partner imprenditoriale Lofarma S.p.A., intende con questo progetto mettere a punto nuove strategie per la produzione di allergoidi da impiegare come vaccini per la cura dell’allergia inalatoria al frumento, mediante:
- uno studio ricognitivo sugli allergeni verso cui la popolazione locale si sensibilizza maggiormente;
- la purificazione e la modificazione chimica dei maggiori allergeni o delle frazioni proteiche di interesse;
- la valutazione dell’efficacia della modifica tramite sistemi in vitro (riconoscimento anticorpale, e interazione con diversi sistemi cellulari) e in vivo in modello murino.
- la produzione di un preparato prototipo da saggiare in vivo mediante skin prick test (SPT) su pazienti allergici per confermarne l’ipoallergenicità.

Enti finanziatori:

Ateneo
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: COFATENEO - Cofinanziamento Ateneo progetti di ricerca di Interesse nazionale
Lofarma S.p.A.
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: COFATENEO - Cofinanziamento Ateneo progetti di ricerca di Interesse nazionale

Partecipanti al progetto

Corrado Rizzi
Ricercatore
Gianni Zoccatelli
Professore associato

Collaboratori esterni

Gianni Mistrello
Lofarma S.p.a.

Attività

Strutture