Sintesi di nano-particelle e nano-superfici selettive per epcidina e loro integrazione in biosensori.

Data inizio
17 novembre 2011
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Biotecnologie
Responsabili (o referenti locali)
Bossi Alessandra Maria

Il progetto si propone lo sviluppo di dosaggi e sensori per una efficiente misura dell’epcidina, l’ormone peptidico che regola l’omeostasi del ferro. L’obiettivo è di importanza strategica e cruciale per la diagnosi e la terapia di patologie associate allo squilibrio marziale (iperaccumulo di ferro, anemie, patologie cardiovascolari, renali, patologie croniche etc), infatti l'epcidina è ormone chiave nella regolazione dell'assorbimento del ferro. La sua quantificazione con metodi immunienizmatici si è revelata difficoltosa, data l’alta conservazione di questo ormone lungo la scala evolutiva e l'impossibilità di ottenere anticorpi facilmente. Questo progetto propone di offrire una risposta adeguata alle attese della diagnostica, mediante la preparazione di recettori sintetici polimerici da integrare in dosaggi e sensori per un efficace quantificazione di epcidina in fluidi biologici. I recettori sintetici saranno ottenuti con la tecnica dei polimeri a stampo molecolare (MIP). Si propone di preparare nanoparticelle MIP a peso molecolare 50-500 kDalton, con abilità a legare epcidina selettivamente, che verrano integrate a sensori ottici e a dosaggi di tipo pseudo-immunoenzimatico. Si valuteranno le prestazioni dei metodi messi a punto e infine i metodi verranno validati con campioni clinici selezionati.

Enti finanziatori:

Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
Finanziamento: assegnato e gestito da un ente esterno all'ateneo
Programma: FINANZMIUR - Finanziamento MIUR per la ricerca

Partecipanti al progetto

Alessandra Maria Bossi
Professore associato

Attività

Strutture