Applicazione del processo a fanghi attivi assistito da membrana per ultrafiltrazione: studio della rimozione di microinquinanti dalle acque reflue trattate e della stabilizzazione anaerobica dei fanghi di supero. (2003)

Data inizio
1 gennaio 2003
Durata (mesi) 
24
Dipartimenti
Biotecnologie
Responsabili (o referenti locali)
Cecchi Franco
URL
2003098247_001
Parole chiave
ADSORBIMENTO;BIOREATTORE;BIODEGRADAZIONE;DIGESTIONE ANAEROBICA;MICROINQUINANTI;MODELLAZIONE;MEMBRANE;MICROFILTRAZIONE;ULTRAFILTRAZIONE

I più recenti orientamenti scientifici e normativi impongono l’adozione di una elevata efficienza nella rimozione dei microinquinanti (metalli pesanti e composti organici aromatici e clorurati) dalle acque reflue, anche al fine di facilitare il riutilizzo della risorsa idrica. Obiettivo fondamentale dell’attività di ricerca in oggetto è, pertanto, l’individuazione del comportamento e del destino dei microinquinanti prioritari nella filiera dei processi avanzati di depurazione delle acque reflue al fine di formalizzare un modello in grado di formulare soluzioni a scala industriale del problema. In particolare, in relazione al destino di questi microinquinanti, verranno studiati i processi di trattamento di acque reflue in bio-reattore a membrana (MBR) per ultrafiltrazione a scala pilota ed altri processi di trattamento avanzati (processi biologici a membrana, trattamenti terziari di post filtrazione, processi sequencing batch, processi di adsorbimento) e la stabilizzazione anaerobica dei fanghi di supero. I prodotti attesi dalle attività di ricerca, che coinvolgono 7 atenei, consistono in innovazioni sul piano tecnologico ed in innovazioni di processo nei trattamenti di depurazione delle acque reflue di origine mista civile-industriale. Dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, sulla linea acque verranno sperimentate le operazioni a membrana, la complessazione/precipitazione e i trattamenti separativi con materiali adsorbenti; sulla linea fanghi verrà studiata la complessazione/precipitazione di metalli pesanti.
Dal punto di vista dell’innovazione di processo, sulla linea acque verrà studiato l’incremento della capacità della biomassa di biodegradare i microinquinanti organici e a resistere ai loro effetti tossici, conseguito attraverso la pressione selettiva esercitata da condizioni transienti di crescita; sulla linea fanghi verrà approfondito lo stato conoscitivo sui processi di decontaminazione dei fanghi durante la loro stabilizzazione anaerobica a seguito della degradazione di molecole organiche.
Il risultato finale atteso è un processo affidabile di applicabilità industriale per il controllo della diffusione dei microinquinanti nei corpi idrici e la formulazione di un modello matematico in grado di predire il loro destino finale al variare dei parametri del processo di depurazione.

Enti finanziatori:

Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca
Finanziamento: assegnato e gestito dal Dipartimento
Programma: COFIN - Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale

Partecipanti al progetto

Aree di ricerca coinvolte dal progetto
Environmental Engineering & Energy

Attività

Strutture