Laurea in Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche (ordinamento fino all'A.A. 2006/07)

per Informazioni
Unità operativa: Gestione didattica

Corso a esaurimento

Per visualizzare il proprio percorso formativo indicativo selezionare il proprio anno di immatricolazione

Inserisci la matricola per vedere la tua offerta formativa nell'anno corretto.

Attenzione: il corso di studi è disattivato, viene presentato di seguito l'ultimo piano didattico approvato

Documenti

Documenti



Attività formative del piano
Le attività formative che presentano il medesimo ordinale (Nº) sono in alternativa fra loro.
TAF Anno Crediti Attività Anno accademico di frequenza
1 A Matematica e fisica 2001/2002
2 A Chimica generale ed inorganica 2001/2002
3 B Istituzioni di economia agroalimentare 2001/2002
 
4 B 1° 2° Agricoltura e produzione II 2001/2002
2002/2003
5 B 1° 2° Scienza del suolo 2001/2002
6 C 1° 2° Paesaggio ed ecologia forestale 2001/2002
2002/2003
 
7 A Biologia 2001/2002
8 A Chimica organica 2001/2002
9 B Agricoltura e produzione I 2001/2002
 
10 B 1° 2° Genetica agraria 2001/2002
 
11 B Viticoltura I 2001/2002
12 B Politica e legislazione vitivinicola comunitaria (AGR/01) 2001/2002
 
13 B Viticoltura II 2002/2003
14 B Enologia I 2002/2003
15 B Microbiologia enologica 2002/2003
16 C Difesa della vite I 2002/2003
17 C Difesa della vite II 2002/2003
18 C Meccanizzazione viticola 2002/2003
19 B Viticoltura III 2002/2003
20 B Economia e gestione delle imprese vitivinicole 2002/2003

Legenda | Tipo Attività Formativa (TAF)

Le attività formative che presentano il medesimo ordinale (Nº) sono in alternativa fra loro.


A Attività di base
B Attività caratterizzanti
C Attività formative affini o integrative

DAttività a scelta dello studente
EProva finale
FAltre attività

SStage e tirocini presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali

Obiettivi formativi I laureati nel corso di laurea devono: - possedere una buona conoscenza di base nei settori della matematica, fisica, informatica, chimica e biologia, orientate agli aspetti applicativi; - conoscere il metodo scientifico di indagine ed essere in grado di partecipare alla sperimentazione nel settore; - possedere generali conoscenze nel settore agrario (con particolare riferimento agli aspetti quali-quantitativi delle produzioni e alle problematiche del territorio agroforestale) e specifiche conoscenze e conpetenze operative, gestionali e di laboratorio nel settore della viticoltura e dell'enologia per essere abilitati alla professione di enologo in Italia e in Europa; in particolare devono essere in grado di: I) svolgere ruoli tecnici, gestionali e direzionali in aziende vitivinicole per la trasformazione dell'uva, affinamento, l'imbottigliamento e il marketing dei prodotti; II) svolgere ruoli tecnici nella scelta varietale, nell'impianto e negli aspetti fitosanitari dei vigneti; III) svolgere attività di consulenza tecnico professionale nel settore per organizzazioni sia pubbliche che private IV) effettuare e certificare analisi enochimiche e organolettiche sui prodotti. - essere in grado di utilizzare almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre all'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali; - possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione; - essere capaci di lavorare in gruppo, operare con definiti gradi di autonomia e inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro. Ai fini indicati, il corso di laurea: - comprende attività finalizzate a fornire le conoscenze di base nei settori indicati, un'adeguata preparazione sulle problematiche generali dei settori agrario e forestale, un'elevata preparazione professionale nell'ambito del complesso sistema vitivinicolo al fine di rispondere con prontezza e flessibilità alla rapida evoluzione del mercato; - prevede l'obbigatorietà di attività di laboratorio, di campagna e di stages aziendali.
Sbocchi professionali Gli sbocchi professionali che questo corso di laurea può offrire sono individuabili in quelle mansioni organizzative e tecnico-gestionali che si possono sviluppare in tutti i segmenti della filiera vitivinicola. In particolare, il laureato in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche, peraltro abilitato alla professione di Enologo in Italia e in Europa, potrà svolgere le seguenti attività: ruoli tecnici, gestionali e direzionali in aziende vitivinicole per la trasformazione dell'uva, l'affinamento, l'imbottigliamento e il marketing dei prodotti; ruoli tecnici nella scelta varietale nell'impianto e negli aspetti fitosanitari dei vigneti; consulenza tecnico-professionale nel settore per organizzazioni sia pubbliche che private; effettuazione e certificazione di analisi enochimiche e organolettiche sui prodotti.